fbpx

Quarantena e spostamenti, ecco le linee guida

La battaglia contro il coronavirus richiede la responsabilità e la partecipazione attiva di tutti i cittadini. Questa è la logica che ha guidato la stesura del Decreto #iorestoacasa emanato dal governo. Nel documento è elencata una serie di regole a cui ognuno di noi deve attenersi, coltivando il più possibile il distanziamento sociale.

Cosa significa nello specifico? Che bisogna stare a casa in quarantena per tutelare la salute personale e quella di chi ci circonda.

Gli interrogativi che ruotano intorno alle manovre governative sono numerosi. Ognuno di noi continua a chiedersi cosa può o non può fare, quali spostamenti sono consentiti e quali no. Insomma, l’incertezza sembra regnare sovrana, per questo vogliamo sciogliere i dubbi rispondendo alle domande frequenti e illustrando le linee guida per gli spostamenti durante questo periodo di isolamento nazionale.

Decreto #iorestoacasa, domande frequenti

  • Posso uscire in caso di sospetto o verificato contagio? Assolutamente no. Se risulti positivo al test o temi di aver avuto contatti con qualcuno affetto da COVID-19, devi categoricamente restare in quarantena, evitando in ogni modo contatti con altre persone, sia esternamente sia dentro la tua abitazione.
  • Posso uscire di casa se ho febbre superiore a 37,5 e sintomi da infezione respiratoria? Meglio di no. Il consiglio è quello di rimanere a casa, contattare il tuo medico di base e limitare il più possibile il contatto con altre persone.
  • Posso uscire per andare a lavorare o per questioni sanitarie? La regola generale che vige su tutte è quella di evitare di uscire di casa. Puoi farlo solo per motivi di fondamentale importanza: lavoro, salute e acquisto di beni di prima necessità. Chi può deve lavorare a distanza in smart working o prendere ferie o congedi. Quando ti sposti, devi portare con te l’autocertificazione: dopo averlo scaricato qui, devi compilarlo e mostrarlo qualora le forze di polizia locali o statali dovessero richiederlo. Mi raccomando, non falsificare le informazioni inserite, perché la non veridicità costituisce reato.
  • Posso andare a fare la spesa? Sì, ma è preferibile una sola persona per famiglia. Gli esercizi commerciali devono rispettare e far rispettare ai clienti misure di sicurezza ben specifiche: per non creare assembramenti, può entrare nel negozio solo un certo numero di persone, le quali devono mantenersi distanti un metro le une dalle altre.
  • I generi alimentari sono sempre disponibili? Sì, per questo non devi fare corse per accaparrarteli.
  • Posso uscire per andare a comprare prodotti diversi rispetto a quelli alimentari? Sì, ma solo se elencati nelle categorie indicate dal decreto. La lista puoi anche consultarla qui (allegato 1 e 2).
Decreto #iorestoacasa, quali sono i beni di prima necessità
Decreto #iorestoacasa, quali sono i beni di prima necessità
  • Posso uscire di casa per andare a comprare un giornale o rischio una sanzione? Le edicole sono aperte per garantire l’approvvigionamento di quotidiani e periodici, poiché considerati una necessità. Questo significa che puoi uscire per andarli a comprare.
  • Posso uscire di casa per andare in farmacia? Certo che sì, ma solo se davvero necessario. Ad ogni modo farmacie e parafarmacie sono regolarmente aperte.
  • Se mi trovo fuori dal mio domicilio, abitazione o residenza, posso ritornarci? Sì, hai tutto il diritto di rientrare a casa, sempre sottolineando il fatto che puoi uscire solo per motivi strettamente necessari come lavoro e salute. Questo significa che, in assenza di residenza o domicilio, non puoi raggiungere l’abitazione che usi per le tue vacanze: in questo caso, infatti, non si tratta di situazioni di necessità.
  • Posso uscire di casa per andare ad assistere i miei cari anziani non autosufficienti? Sì, perché questa è una condizione di necessità. Ricorda, però, che gli anziani sono le persone più vulnerabili, quindi cerca di salvaguardarli dal contagio il più possibile.
  • Posso uscire di casa per andare a mangiare dai parenti? Questo non rientra tra gli spostamenti necessari, quindi meglio evitare di lasciare la propria abitazione se non per motivi di estrema importanza.
  • Posso fare attività motoria all’aria aperta? Sì, purché vengano evitati gli assembramenti.
  • Posso uscire di casa per fare una passeggiata? Meglio uscire di casa solo per ragioni di necessità. Qualora ci si spostasse per passeggiare ad esempio con i bambini, è sempre bene evitare quei luoghi nei quali il rischio che si creino assembramenti è maggiore.
  • Sono separato/divorziato. Posso spostarmi per andare a trovare i miei figli? Sì, sono consentiti gli spostamenti per raggiungere i figli che abitano con l’altro genitore o presso un affidatario, ma anche quelli per riportarli a casa. Ovviamente occorre rispettare i provvedimenti del giudice per quanto riguarda il divorzio o la separazione.
  • Posso uscire di casa per gettare la spazzatura? Ovviamente sì. Allo stesso modo continuano le attività di raccolta, gestione e smaltimento dei rifiuti.
  • Posso uscire col mio animale domestico? Sì, ma solo per le sue esigenze fisiologiche. La raccomandazione è sempre quella di evitare raggruppamenti con altre persone. In caso di urgenze, puoi uscire di casa anche per portare il tuo animale dal veterinario; i controlli di routine, invece, devono essere rinviati.
  • Posso usare la bicicletta per i miei spostamenti? La bici può essere utilizzata solo per raggiungere il luogo di lavoro o la propria casa, nonché i negozi di prima necessità.

Lascia un commento

Prendi parte anche tu alla nostra
Community

Raccontaci la tua esperienza e tieni aggiornati i tuoi amici

herrwett.de