fbpx

Juventus, si chiude un anno e si batte un record

Sebbene manchino ancora due turni per concludere uno dei campionati più turbolenti di sempre, la Juventus guidata da Maurizio Sarri riesce a mettere le sue mani sul trofeo nazionale più ambito portando a casa un record imponente, quello del nono scudetto consecutivo. Se si pensa ai 5 maggiori campionati mondiali si parla di un risultato invidiabile, insidiato solo dal Bayern Monaco che segue con otto.

Il match

Il match decisivo poteva essere già quello della scorsa giornata contro i gemelli bianconeri dell’Udinese, ma il team sabaudo ha incontrato non poche difficoltà nel superare la difesa friulana, che si è imposta sul finale per 2 a 1. Sono state delle ultime partite surreali per tutte le squadre di testa, dove i ritmi elevati e il poco riposo hanno pesato sulle prestazioni globali portando inevitabilmente a ritmi di gioco lenti e farraginosi.

I festeggiamenti

Dietro richiesta del team juventino, i festeggiamenti in piazza San Carlo a Torino sono stati modesti e in linea con le linee guida espresse per via dell’emergenza Covid. Ma come questo ventunesimo secolo prevede, è online che si è vista euforia, sfottò, meme, e tutte le celebrazioni del caso. Un campionato dal finale quasi scritto, a guardare i precedenti, arrivato contro una Sampdoria che ci ha comunque provato e in uno stadio dove non v’era nessuno ad esultare e per cui fare il canonico giro di campo finale. Un clima pesante ma che ha visto i festeggiamenti spostarsi negli spogliatoi, per i membri della Juventus, in primis per il neoallenatore Maurizio Sarri che ora prospetta una riconferma per il prossimo anno, salvo sorprese.

2020/2021, rivoluzione?

In casa bianconera si parla già di possibile rivoluzione e quasi metà squadra si affaccia al mercato, con un fine ciclo ormai prossimo. Tra questi i conclamati Higuain (che ha visto pochissimo il campo rispetto ai compagni di reparto), Khedira (con cui la Juventus discute una revisione del contratto al fine di diminuire il monte ingaggi), Bernardeschi (che torna ieri al gol dopo 22 mesi di astinenza, quasi due anni) e molti altri. Esplosione invece per il “cavallo pazzo” Rabiot che passa da perenne peggiore in squadra a migliore della sua compagine. Guardano al futuro Dybala, Cristiano Ronaldo e De Ligt, pilastri del team e uomini scudetto.

L’estate degli appassionati di calcio

Parliamo di un campionato quindi ormai giunto al termine che non potrà più allietare le nostre giornate di lockdown. Ma che tuttavia prevede ancora due giornate, a cui seguiranno Europa League e Champions League. Si dovrà solo aspettare fine agosto per la nuova stagione, sarà un’attesa breve, ma incredibilmente intensa.


Lascia un commento

Prendi parte anche tu alla nostra
Community

Raccontaci la tua esperienza e tieni aggiornati i tuoi amici

herrwett.de